Cile, Argentina, Bolivia in moto: viaggio 2024

Un tour in moto organizzato attraverso Cile, Argentina e Bolivia lungo la Ruta Sudamericana tra Antofagasta, San Pedro de Atacama, Salar de Uyuni e Yunga valley.

17 gg / 16 Notti

10

Asfalto / Off Road

Impegnativo

4000

Noleggio

Cile, Argentina, Bolivia in moto: viaggio 2024

Tipologia tour: Adventure

Cile, Argentina e Bolivia in moto: Il Sudamerica esercita da sempre un fascino particolare per la sua commistione tra la cultura europea, le profonde radici dei popoli nativi e l’irresistibile fascino naturalistico delle Ande, del Deserto di Atacama (il luogo più arido del pianeta), le lagune salate della Bolivia e l’immensità del Pacifico che bagna le infinite coste del Cile.

Se quello di cui sopra è più che sufficiente a stimolare la curiosità e la voglia di partire di un turista tradizionale, immaginate cosa possa rendere a livello di emozioni attraversare Cile, Argentina e Bolivia in motocicletta: sarà un’esperienza capace di coinvolgere e sconvolgere allo stesso tempo i vostri sensi, di amplificare le vostre emozioni e di gratificare nel profondo le vostre anime.

Quota base

7800 €
  • Conducente in camera doppia con noleggio di Motomorini XCape: 7.800 EURO
  • Con noleggio di Honda CRF1100: + 600 EURO
  • Con noleggio di BMW R1200GS : + 1.100 EURO
  • Passeggero in camera doppia: 3.800 EURO
  • Supplemento camera singola: 1500 EURO

Le quote sono soggette all’oscillazione Euro/Dollaro USA e saranno eventualmente aggiornate 60 giorni dalla partenza.

La scelta della camera doppia, per viaggiatore-trice singolo-a che non sappia già con chi condividere la camera, non può essere garantita. 77 Roads si riserva in qualsiasi momento, prima della partenza del tour, il diritto di addebitare il supplemento per camera singola, in caso di necessità.

La quota comprende
  • 1 motociclo Motormorini XCape
  • 16 notti in alberghi 5*, 4* e 3* in camera doppia con colazione
  • 2 cene (la cena di benvenuto e arrivederci)
  • 4 pranzi leggeri - picnic
  • Accompagnatore 77 in moto
  • Mezzo di supporto per il trasporto di bagagli, merci e mezzi in avaria per l’intero viaggio
  • Autista meccanico su mezzo di supporto
  • Acqua per tutto il tour
  • Documenti speciali per la frontiera con la Bolivia
  • Salar de Uyuni - escursione con le jeep
  • Visita della laguna Chaxsa, le lagune Altiplanic e la visita alla Valle della Luna
  • Road book
  • Tracce gpx
  • Gadget 77Roads
La quota non comprende
  • Voli A/R
  • Assicurazioni facoltative (medico-sanitaria e annullamento viaggio)
  • Pranzi e cene
  • Carburante e pedaggi
  • Escursioni facoltative e ingressi ai siti non menzionati nel programma
  • Tutto quanto non previsto alla voce “La quota include”
Descrizione del viaggio

Cile, Argentina e Bolivia in moto – La Ruta Sudamericana: Questo viaggio all’altro capo del mondo (America australe) è stato concepito per dare la possibilità ai fortunati partecipanti di vivere due settimane di avventura sulle strade di Cile, Argentina e Bolivia attraversando luoghi che sono entrati di diritto nell’immaginario collettivo di ogni appassionato di viaggi e di tutti i motociclisti desiderosi di vivere esperienze fuori dal comune, a contatto con un intreccio culturale che mischia l’ancestrale animismo dei popoli nativi con l’imposizione obtorto collo dei dogmi imperialisti e clericali dei conquistatori europei.

Antofagasta (1.336 chilometri a nord della capitale Santiago del Cile) è il punto di partenza del nostro tour, il quale dipana il suo itinerario in senso antiorario, toccando in sequenza San Pedro de Atacama, il passo di Jama (valicando le Ande per entrare in Argentina), Salta, il Salar de Uyuni, la capitale della Bolivia La Paz e la Ruta de la Muerte prima di rientrare in Cile ad Arica, raggiungere Iquique e da qui scendere in linea retta verso sud lungo la Panamericana che corre parallela

all’Oceano Pacifico per terminare la sua corsa dopo due settimane ad Antofagasta.

Questo è quello che abbiamo preparato per voi, e scusate se non è poco; avere il privilegio di viaggiare in moto in Sudamerica non è certo una cosa comune, ma un’esperienza da vivere momento per momento, assaporando chilometro dopo chilometro l’intensità e la bellezza di un nuovo mondo che si aprirà come uno scrigno pieno di tesori al vostro passaggio.

 

Date del viaggio

  • 21/04-07/05/24 Iscrizioni aperte! CONFERMATO! Ultimi 2 posti disponibili!

PROGRAMMA DI VIAGGIO

Giorno 1: Arrivo dei partecipanti ad Antofagasta.

L’arrivo è previsto in un giorno lavorativo in quanto si dovrà provvedere a firmare l’autorizzazione all’espatrio delle motociclette prese a noleggio.

 

Giorno 2: Antofagasta – San Pedro de Atacama

Una volta completate le formalità burocratiche siamo pronti per affrontare la strada. Lasciamo Antofagasta dirigendo a sud per raggiungere “La mano del desierto” l’iconica scultura che spunta dalle sabbie come la mano di un misterioso gigante, stagliandosi nel cielo. Riprendiamo a far scorrere le ruote verso nord est, attraversando il Deserto di Atacama (una delle aree più aride del pianeta, dove le precipitazioni sono quasi nulle) per raggiungere il suo centro principale, vale a dire San Pedro de Atacama.

 

Giorno 3: San Pedro de Atacama – San Pedro de Atacama

Dedichiamo la giornata all’esplorazione della regione, visitando la laguna di Chaxsa e la Valle della Luna, guidando anche su strade a fondo naturale, per poi fare ritorno a San Pedro de Atacama.

 

Giorno 4: San Pedro de Atacama – Purmamarca

Oggi attraverseremo il nostro primo confine, arrampicandoci lungo la Ruta 27 fino ai 4.200 metri del Paso de Jama che separa il Cile dall’Argentina. Guideremo in un paesaggio lunare, in un deserto d’alta quota dove risaltano le sagome abbacinanti del Salar de Pujsa e del Salar de Loyoques.

 

Giorno 5: Purmamarca – Salta

Dai 2.100 metri di Purmamarca scendiamo fino ai 1.100 metri di Salta, una delle città più belle di tutta l’Argentina. Salta è una destinazione molto gradita dai turisti poiché si trova ai piedi della cordigliera delle Ande e vi si possono trovare numerosi esempi di architettura coloniale spagnola, motivo per il quale la città e famosa.

 

Giorno 6: Salta – Oran

La tappa odierna si sviluppa lungo l’asse nord-est e ci consentirà di guidare lungo una sorta di confine geologico, mantenendo le Ande alla nostra sinistra e il bacino amazzonico a destra. Anche se considerata tappa di trasferimento non mancheranno le occasioni per attraversare scenari interessanti. La città di Oran, oltre a essere la nostra destinazione di tappa, sarà anche sede del nostro ultimo pernotto in terra argentina.

 

Giorno 7: Oran – Tarija

Cinquanta chilometri a nord di Oran si trova il Puente Internacional de Aguas Blancas, che scavalcando le acque del Rio Bermejo funge da valico di confine tra Argentina e Bolivia.

Una volta espletate le formalità doganali attraverseremo, in direzione nord ovest, un tratto di macchia amazzonica per raggiungere nuovamente i primi rilievi andini, fermandoci per la notte a Tarija.

 

Giorno 8: Tarija – Potosì

Da Tarija riprendiamo a scalare le Ande lungo la Ruta Nacional 1, passando dai 2.000. metri della città di partenza ai 4.000 metri di Potosì, una delle città più alte al mondo e famosa in passato per la ricchezza delle sue miniere d’argento. Popolata da oltre 200.000 persone durante il suo periodo di massimo splendore, oggi Potosì sopravvive grazie alle poche, ma utili, attività estrattive e a una sorta di turismo minerario, il quale consente di prendere parte a visite guidate delle miniere non più in esercizio.

 

Giorno 9: Potosì – Colchani

Lasciamo Potosì e dirigiamo verso sud ovest per scoprire uno degli highlights di questo viaggio. Dopo circa 230 chilometri di guida in uno spettacolare deserto roccioso, le nostre ruote raggiungeranno Colchani, attraverseranno il piccolo agglomerato di case e imboccheranno una strada in terra battuta che porta dritta fino alle sponde del Salar de Uyuni, a pochi metri dall’hotel dove passeremo la notte.

 

Giorno 10: Colchani – Colchani

Il programma della giornata prevede una spettacolare esperienza di guida: infatti, se le condizioni della salar lo consentiranno (superficie del lago asciutta), potremo far correre le nostre moto sulla sterminata distesa di sale. In caso contrario (superficie bagnata) attraverseremo comunque il Salar de Uyuni (la più grande distesa salata del pianeta), ma lo faremo a bordo di più confortevoli, e idonei, 4×4.

 

Giorno 11: Colchani – La Paz

 

Dalla capitale delle attrazioni boliviane, il Salar de Uyuni, il nostro itinere si sposta verso la capitale vera del Paese, La Paz. Situata a oltre 3.600 metri in una conca naturale circondata da montagne, La Paz si fregia del titolo di capitale più alta del mondo.

 

Giorno 12: La Paz – Coroico – La Paz

Oggi affronteremo un’altra spettacolare avventura, per la quale occorreranno determinazione e nervi saldi. Imboccheremo infatti la Ruta Nacional 3, vale a dire quella stradina tutta curve e precipizi che risponde al nome di Via degli Yungas, meglio conosciuta come Camino de la Muerte. La strada, stretta e non asfaltata, parte dai 3.600 metri di La Paz e tocca il suo punto più alto a 4.650 metri prima di scendere nel bacino amazzonico fino ai 1.500 metri di Coroico. Sarà sicuramente un’esperienza elettrizzante percorrerla, mantenendo sempre un alto livello di attenzione e di prudenza.

 

Giorno 13: La Paz- Putre

Da La Paz attraversiamo l’altopiano andino in direzione sud ovest per raggiungere Jancoaque e da qui il confine per il nostro ultimo attraversamento transfrontaliero che ci riporta in Cile. Guidiamo sempre in un deserto d’altura, a un’altezza superiore ai 3.000 metri circondati da un paesaggio lunare, in cui è facile perdersi con i propri pensieri. Nonostante la sua popolazione arrivi a malapena a 2.000 abitanti, Putre è diventata un’ambita meta turistica per la presenza nel circondario di diversi parchi naturalistici.

 

Giorno 14: Putre – Arica

Da Putre ad Arica ci sono circa 150 chilometri, che percorreremo su un toboga pieno di curve che porta il nome di Ruta Nacional 11 e che scende dai 3.500 metri di Putre fino alle sponde del Pacifico, dove ci potremo rilassare ammirando le onde dell’oceano.

 

Giorno 15: Arica – Iquique

La nostra rotta ha ormai preso stabilmente la direzione sud, perché siamo arrivati alle battute finali di questa esperienza in America australe. I giorni sembrano volati, così come i chilometri, ma non le emozioni e le bellezze che la natura ci regala. Da Arica seguiamo la Ruta 5 (conosciuta anche come Panamerica Norte) che piega all’interno, evitando l’alta e frastagliata costa pacifica e offrendoci ancora paesaggi di desolante bellezza, esaltando ulteriormente, se mai ce ne fosse bisogno, il piacere della guida.

 

Giorno 16: Iquique – Antofagasta

E venne l’ultimo giorno, quello che nessuno dopo una tale avventura all’altro capo del mondo vorrebbe veder sorgere. Iquique e Antofagasta si affacciano entrambe sull’oceano, ma sono separate da 400 chilometri che percorreremo tenendo costantemente il Pacifico alla nostra destra e i rilievi sabbiosi, spesso coperti dalle nubi, alla nostra sinistra. Seppur apparentemente scontata, la tappa saprà invece regalare quadri di una natura semplice ma dalla bellezza prorompente.

L’arrivo ad Antofagasta è previsto per il pomeriggio. Riconsegneremo le moto, avremo tempo per ritemprarci con una doccia e saremo infine pronti per la cena di commiato.

 

Giorno 17: Voli di rientro

A seconda delle opzioni scelte, i partecipanti procederanno verso l’aeroporto di Antofagasta per imbarcarsi sui voli che li porteranno prima a Santiago e da qui verso la loro destinazione finale.

Il rientro in Italia sarà meno malinconico pensando ai momenti intensi vissuti insieme agli altri compagni di viaggio in quello che non può essere considerato un semplice viaggio di piacere in moto, ma una vera e propria avventura, un’esperienza il cui ricordo difficilmente si affievolirà anzi, tornerà a galla quando meno ve lo aspettiate, facendovi riaccendere quella scintilla di desiderio che vi porterà sicuramente a conoscere qualche altra parte di questo splendido mondo a cavallo di una motocicletta.

N.B. Il programma potrebbe subire variazioni in qualsiasi momento e senza preavviso, per cause di forza maggiore o per il miglioramento dello stesso.

Mappa del viaggio
Punti di interesse
  • Deserto di Atacama, Cile
  • Laguna Chaxsa
  • Lagune Altiplaniche
  • Valle della Luna
  • Purmamarca - collina dai sette colori
  • Potosi - Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO
  • Salar de Uyuni
  • Death Road a Coroico, La Paz, Bolivia
Documenti necessari
Documentazione da scaricare
Sei pronto a partire?

Iscriviti al viaggio

Pago l'acconto del 25% per il tour

La scelta della camera doppia, per viaggiatore-trice singolo-a che non sappia già con chi condividere la camera, non può essere garantita. 77 Roads si riserva in qualsiasi momento, prima della partenza del tour, il diritto di addebitare il supplemento per camera singola, in caso di necessità.

Il tour sarà confermato al raggiungimento del numero minimo di moto ad un mese dalla partenza. Per un numero inferiore, ci riserviamo il diritto di confermare ugualmente la partenza, ma con un solo accompagnatore con moto o con furgone di assistenza, a discrezione del T.O.

Oppure contattaci

Se desideri maggiori informazioni sul tour “Cile, Argentina, Bolivia in moto: viaggio 2024”, contattaci ai seguenti recapiti:

Iscriviti al viaggio

Pago l'acconto del 25% per il tour

La scelta della camera doppia, per viaggiatore-trice singolo-a che non sappia già con chi condividere la camera, non può essere garantita. 77 Roads si riserva in qualsiasi momento, prima della partenza del tour, il diritto di addebitare il supplemento per camera singola, in caso di necessità.

Il tour sarà confermato al raggiungimento del numero minimo di moto ad un mese dalla partenza. Per un numero inferiore, ci riserviamo il diritto di confermare ugualmente la partenza, ma con un solo accompagnatore con moto o con furgone di assistenza, a discrezione del T.O.

Oppure contattaci

Se desideri maggiori informazioni sul tour “Cile, Argentina, Bolivia in moto: viaggio 2024”, contattaci ai seguenti recapiti: